Nuovo “Centro OASIS”

Perchè?

Il fenomeno dell’urbanizzazione e la crisi dell’agricoltura tradizionale portano nella capitale del Mali centinaia di famiglie adolescenti analfabeti alla disperata ricerca di un lavoro: le ragazze cercano una sistemazione come domestiche, mentre i ragazzi come trasportatori nei mercati, come manovali, etc.
Tutto ciò comporta un aumento dei ragazzi di strada, alcuni di loro non hanno nemmeno una dimora fissa, passano la giornata a mendicare nelle strade principali, mangiano quando riescono e dormono all’aperto, vittime spesso di violenze e soprusi. Per offrire un aiuto a questi ragazzi, nel 2010, è stato aperto il centro Oasis, un centro che offre ascolto, orientamento, assistenza e formazione professionale a ragazzi di strada ed adolescenti che hanno abbandonato la scuola; l’obiettivo è quello di permetterne il reinserimento socio-economico. Il continuo sostegno di associazioni e volontari ha permesso in questi anni l’ampliamento dei laboratori, fornendoli di nuove attrezzature e partedipando al recupero dei bambini di strada anche durante la notte.
L’evolversi in negativo della situazione politico-economica del paese, radicalizza l’importanza del centro Oasis nella realtà della capitale. Infatti il centro di ascolto sta diventando sempre più un punto di riferimento nel quartiere di KalabanCoura, con programmi di reinserimento famigliare e socio-economico.

Che progetto è stato intrapreso?

A fronte di queste nuove esigenze gli attuali spazi del centro Oasis non sono più sufficienti per mantenere tutti i laboratori di formazione artigianale ed educativa e da qui l’esigenza di costruire nuovi spazi. Questo il nostro nuovo progetto: il sostegno alla costruzione completa e funzionale del nuovo centro Oasis.

I lavori sono partiti nei primi del 2016 con l’acquisizione di un nuovo terreno con una piccola struttura e la costruzione del nuovo centro in cinque fasi:

  • la costruzione dalle fondamenta di un secondo edificio e il collegamento al primo per renderlo una unica struttura;

  • imbiancatura e rifinitura delle strutture;

  • nuova impiantistica elettrica;

  • nuova recinzione e nuovi serramenti;

  • piastrellamento e trasloco dalla vecchia struttura.

Nel mese di ottobre 2016 i lavori sono terminati, e si è potuto dare inizio regolarmente delle attività scolastiche, fornendo anche nuovi arredamenti scolastici, ma soprattutto per superare tutte le problematiche legate alla stagione delle piogge, che provocava nella vecchia struttura allagamenti soprattutto nella cucina e nei laboratori posti a livello strada. Con questa struttura, il nuovo centro offre una accoglienza ad una platea di ragazzi molto più ampia.

Ora, con la collaborazione di Un’Altromondo Onlus e con Promodef Mali, la struttura sta continuando a crescere ed il nostro gruppo sta portando a compimento, attraverso la nostra di sensibilizzazione, gli impegni finanziari che abbiamo sostenuto e promesso.

Come sempre vi terremo aggiornati sui lavori e sulle attività che verranno organizzate in questa importante struttura.